Le più popolari tradizioni festive in Italia

presents packages wrapped bows 300x200 - Le più popolari tradizioni festive in ItaliaIl modo in cui vengono organizzate le feste in Italia, non si ripete in nessuno dei paesi del mondo – a la grande, con ampiezza incredibile, con allegria vivace, molto tipica per il temperamento italiano.

Altrettanto aspettate da tutti, sono le feste natalizie in Italia, che cominciano l’8 dicembre, con la celebrazione della Festività dell’Immacolata Concezione della Vergine. Singolarmente in questo giorno, è tradizione di addobbare l’abete nonché di decorare con ghirlande le case e le strade delle città, privilegiando per le sfumature del colore rosso nel decoro. Sotto l’abete, la mattina di dopo il Natale, i piccolini cercano doni da Babbo Natale, versione italiana del Nonno Gelo.

Nei giorni natalizi, le città sono riempite di suoni di zampognate e caramella della zampogna e del flauto rispettivamente. Secondo una tradizione, una volta i pastori che rientravano, per opera di questi strumenti spassavano la gente delle località.

La serie delle solennità invernali continua con il Capodanno, l’arrivo di cui in questo paese ha tradizioni. Per esempio, per sbarazzare la l’abitazione dall’ energia cattiva, attimi dell’anno che passa, gli italiani lanciano dalla-dalle finestre la ciabatteria di ogni specie. Sul davanzale, loro postano monete e accendono delle candele, secondo una ipotesi vecchia, questo comporta fortuna e permette di vivere in seguito comodamente.

A differenza del Natale, che si festeggia normalmente nell’intimità familiare, la notte del Capodanno, gli italiani cercano di festeggiare fuori casa, nella compagnia clamorosa degli amici. Infatti il più palpitante avviene sulle piazze: musica altisonante, danze stupendi, rappresentazioni eccezionali e spettacoli con fuochi d’artifizio durevoli.

Lo svolgimento di carnevali in onore di qualche festa è considerata tradizione nazionale degli italiani. Il carnevale il più clamoroso di tutti glie ennesimi carnevali, è il Carnevale di Venezia, che ha ricevuto il titolo “Re di tutti i Carnevali“. Di anno in anno, questo comincia con il volo al di sopra della piazza San Marco di un angelo in carta Colombina, la quale, cantando in aria nel cielo, copre il pubblico gli spettatori riuniti-riunite da coriandoli iridati. Proprio da questa piazza cominciano tutti gli manifestazioni parate e sfilate in maschera. La culminazione della festività è il-è la concorso delle maschere.